Indirizzo email e/o password non valida. Riprova o clicca sul link "password dimenticata?".
Inserisci un indirizzo email valido.
Menu Back

Login Assistente di vendita

Sir Elton John sta per intraprendere il suo tour finale, il Farewell Yellow Brick Road Tour, in cui indosserà look Gucci di Alessandro Michele.
In un’intervista a Gucci.com, lo showman racconta il suo stile, dai suoi eccentrici abiti di scena anni ‘70 alla collezione creata da Alessandro Michele per la sua tournée d’addio.

Com’è nata questa collaborazione creativa con Gucci e Alessandro Michele per gli abiti di scena del Farewell Yellow Brick Road Tour?
Ammiro molto il lavoro straordinario che Alessandro Michele sta portando avanti come direttore creativo di Gucci. Il mix audace di colori, esuberanza ed eclettismo ha dato alla moda una forte scossa. Trovo molto interessante la sua celebrazione dell’individualità. Questo spirito mi ricorda la mia passione sfrenata per la moda, soprattutto nei primi 30 anni di carriera. Nelle collezioni di Alessandro ho ritrovato allusioni ad alcuni dei miei periodi fashion del passato. Quando ci siamo conosciuti, sono rimasto affascinato dalla sua gentilezza e dalla sua passione per l'artigianalità. Siamo diventati grandi amici, essendo entrambi grandi collezionisti a cui piace mescolare antico e moderno. Ho creato un guardaroba con gli abiti di scena indossati fin dagli inizi della carriera: mi sembrava divertente far scoprire questo tesoro ad Alessandro e al suo team creativo… loro hanno fatto il resto.

Qual è il pezzo della collezione per il tour che ti sta più a cuore e perché?
È praticamente impossibile scegliere un solo capo. Sono tutti bellissimi e realizzati con una fattura eccezionale. Mi riesce difficile salire sul palco senza indossare un abito che mi consenta di dare spettacolo. La teatralità degli abiti creati da Alessandro e da Gucci è in grado di trasformarti e trasportarti completamente.

Alcuni dei look della collezione Primavera Estate 2018 di Gucci sono ispirati agli abiti di scena del tuo guardaroba. Hai dichiarato di non essere un nostalgico... quei capi rappresentano qualcosa di nuovo ricreato dalle mani di Alessandro Michele?
Quando ho finalmente potuto vedere la collezione in passerella sono rimasto sbalordito. Non si tratta di una ricostruzione del mio passato, ma di una visione rivisitata e reinterpretata con abilità che si addice perfettamente al mondo Gucci di oggi. Mi ha reso davvero felice. Rivelare il mio guardaroba e vedere come Alessandro abbia reinterpretato alcuni dei look emblematici in chiave moderna ha riaperto un divertente flusso di emozioni. È incredibile quanto fossi pazzo per la moda, soprattutto negli anni '70! Mi sentivo come un bambino in un negozio di caramelle. Non ne avevo mai abbastanza, e continuavo a provare look sempre più nuovi e folli. Oggi provo lo stesso entusiasmo quando entro in una boutique Gucci. Sarà sicuramente una grande emozione vedere i capi Gucci Elton John esposti negli store.

Ti sei descritto come un collezionista. Puoi dirci quali oggetti collezioni?
Colleziono fotografie dalla fine degli anni ‘80, in particolare fotografie in bianco e nero e in scala ridotta che risalgono addirittura al 1917. Adoro circondarmi di fotografie. Un’altra mia grande passione sono i vinili: ho ripreso a collezionarli nuovamente negli ultimi anni, dopo aver venduto la mia collezione originale nel 1990 per raccogliere fondi per la Elton John AIDS Foundation. Sono piacevoli al tatto, mi piace l’odore, il rito da seguire per riprodurli e la qualità del suono! Cerco sempre di andare nei negozi di dischi, ovunque mi trovi, e comprare 5-6 vinili nuovi a settimana. Ho anche una grande collezione di bicchieri, che adoro. Ma compro sempre per la bellezza del pezzo, non per il valore.

Che cosa collezionerai durante il tuo Farewell Yellow Brick Road Tour?
Ricordi! Sarà un viaggio piuttosto intenso in giro per il mondo, e il fatto che si tratti della mia ultima tournée renderà i ricordi ancora più indelebili.

Negli anni ‘70 hai celebrato l’individualità. In cosa si differenzia questo aspetto per gli artisti di oggi? È più facile per loro esprimere la propria individualità?
Mi sento molto fortunato a essere stato un compositore e un cantante negli anni ‘70. È stato un decennio con un’esplosione creativa senza precedenti nel mondo della musica, della moda e del cinema. Le fonti di ispirazione erano ovunque. C’era una carica di individualità, rivoluzione, positività e speranza. Trovo straordinariamente edificante che la generazione di oggi sia attratta dallo stesso spirito nelle collezioni Gucci di Alessandro. Sia a me che a David piace indossare le sue creazioni ma compriamo capi totalmente diversi. Con le sue creazioni, siamo liberi di esprimere la nostra personalità perché la visione di Alessandro per Gucci è una celebrazione della diversità. Nel mondo di oggi ci sono moltissimi contrasti e tanta negatività. Alessandro propone una visione del mondo edificante, positiva e unificante, che celebra il desiderio delle persone di esprimersi come individui unici e di essere accettati in quanto tali. Credo sia uno dei motivi per cui i millennial trovano profonda ispirazione nella sua concezione della moda. È un mondo divertente e allegro di cui tutti possono far parte. È inclusivo e al contempo personale.
Leggi di più Chiudi
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
 

  • Photo: Sam Emerson
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
  • Photo: Sam Emerson
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
 

  • Photo: Sam Emerson
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
Sir Elton John si racconta su Gucci.com in occasione del Farewell Yellow Brick Road Tour.Elton si racconta
IL SUO ACCOUNT È STATO BLOCCATO
Ha effettuato troppi tentativi di login. Riprovare più tardi.
Password dimenticata
Inserisca l'indirizzo email con cui si è registrato/a. Le invieremo un link per reimpostare la password.
Invia
Password dimenticata
Inserisci l'indirizzo email con cui sei registrato/a. Ti invieremo un link per reimpostare la password.
Grazie
Ti abbiamo inviato un'email contenente le indicazioni per reimpostare la password.

Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer. Alcune funzionalità di questo sito potrebbero pertanto non funzionare correttamente. Per una migliore esperienza di navigazione sul sito, aggiorna il browser. Grazie.