Frida Giannini

  • Mi piace 8
FRIDA GIANNINI
Direttore Creativo di Gucci

Il talento unico e la visione moderna, che unisce i valori della tradizione artigianale con i più recenti progressi delle tecnologie della moda, caratterizzano l’ascesa di Frida Giannini a Direttore Creativo di una delle case di moda più rinomate al mondo.
 
Frida nasce a Roma nel 1972 da padre architetto e madre professoressa di storia dell’arte. Studia fashion design presso l’Accademia del Costume e della Moda prima di muovere i primi passi in una piccola azienda di abbigliamento. Nel 1997, viene chiamata da Fendi, dove per tre stagioni consecutive disegna la linea di abbigliamento donna, per poi essere promossa responsabile della linea di pelletteria Fendi.
http://www.gucci.com/images/ecommerce/styles_new/201303/web_2column/wg_fw13_frida_portrait_web_2column.jpg
Nel settembre 2002, Frida entra in Gucci con il ruolo di Direttore Stilistico della Borsetteria. Due anni dopo viene nominata Direttore Creativo di tutti gli Accessori: borse, scarpe, valigie, piccola pelletteria, seta, gioielleria, articoli da regalo, cravatte, foulard, orologi e occhiali. In questa nuova posizione, creata appositamente per lei, Frida dimostra il suo grande talento e dona una rinnovata e  potente prospettiva alla collezione di accessori Gucci. Utilizzando gli archivi del marchio come punto di partenza, trasforma le classiche icone della casa, come la stampa Flora, in creazioni innovative di grande successo. Oggi afferma che la sua prima visita agli archivi storici è stata una delle scoperte più significative della sua carriera. Negli anni ha rivisitato e ridefinito molti modelli e motivi iconici di Gucci: dall’utilizzo del bambù allo sviluppo dell’iconografia equestre, dalla reinterpretazione del famoso mocassino con morsetto all’attualizzazione dell’altrettanto celebrata borsa Jackie.
Nel 2005, Frida viene nominata Direttore Creativo dell’Abbigliamento Donna, ruolo che si aggiunge alle sue precedenti responsabilità per tutte le categorie di accessori. Da lì a breve, assume la responsabilità creativa per l’abbigliamento uomo, diventando così l’unico Direttore Creativo. Frida Giannini affronta questa notevole responsabilità con la sua abituale determinazione e abilità, stabilendo da subito la sua visione del marchio. Intuito creativo, stile manageriale, sicurezza e capacità di prendere decisioni, un punto di vista femminile e decisamente italiano sono le doti che la contraddistinguono.

La combinazione si rivela di grande successo ed è testimoniata dalla costante abilità di Frida nel disegnare collezioni, che sanno influenzare le tendenze di moda di tutto il mondo e allo stesso tempo si dimostrano direzionali a livello commerciale.
Sotto la sua guida nasce un nuovo “disegno” stilistico che affianca al passato inimitabile del marchio e alla sua eccellenza nell’artigianato di lusso lo stile contemporaneo del jet-set internazionale caratterizzato da sicurezza, sensualità e glamour.

Frida acquisisce un’autorevolezza creativa che è fondamentale nel riposizionamento dell’universo Gucci e che supera la creazione delle collezioni. Non solo sviluppa personalmente gli spazi architettonici e gli arredamenti del nuovo store concept Gucci - aprendo la strada al look contemporaneo dei negozi della Maison nelle principali città del mondo – ma crea il Gucci Museo situato a Firenze, città natale del marchio, inaugurato nel 2011 in occasione del 90° anniversario di Gucci e realizza il suo desiderio di raccontare la storia e l’evoluzione delle icone della Maison.
Inoltre è responsabile della direzione creativa di tutte le campagne pubblicitarie e lavora con illustri registi, come David Lynch, Frank Miller, Chris Cunningham e Nicolas Winding Refn.
Sotto la direzione di Frida Giannini, Gucci rafforza il legame con Hollywood e con il mondo del cinema. Nel 2006, Gucci inizia una collaborazione con The Film Foundation di Martin Scorsese, organizzazione creata per proteggere e preservare la storia cinematografica, e si impegna a raccogliere fondi per restaurare almeno una pellicola all’anno. In collaborazione con la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nel 2010, ha luogo la prima edizione del Gucci Award for Women in Cinema con l’intento di celebrare il grande contributo delle donne all’industria del cinema in diverse discipline. Più recentemente, Gucci inizia a collaborare con la Biennale di Venezia per la Biennale College – Cinema, un programma che ha l’intento di promuovere nuovi talenti e offrire loro l’opportunità di lavorare con riconosciuti professionisti per realizzare i propri film con micro budget.
Consapevole del potere dei film per generare consapevolezza e aiutare la comprensione di temi critici in tutto il mondo, la Maison istituisce il Gucci Tribeca Documentary Fund, giunto ora al settimo anno. Il Fondo mette a disposizione finanziamenti, sostegno per un anno e assistenza per la realizzazione di lungometraggi documentaristici che sottolineino importanti problemi di natura sociale in tutto il mondo. Ogni anno Gucci presenta l’Art Film Gala del Los Angeles County Museum of Art, che rende omaggio al cinema insieme alle arti figurative e accresce l’impegno di lunga data di Gucci nella preservazione e nella celebrazione delle arti.
 
Il profilo di Frida Giannini permette anche di accrescere le attività di Gucci nell’ambito della responsabilità sociale, impegno personale che ha trasformato in una missione per l’azienda. Frida è membro del Board of Directors della Kering Foundation, che combatte la violenza sulle donne e ne promuove la conquista dell’autonomia e della responsabilità. Giunta al nono anno, la partnership di Gucci con UNICEF, voluta da Frida Giannini, ha raccolto a oggi oltre 18 milioni di USD.
E’ stato il lavoro con l’UNICEF a ispirare a Frida l’ambiziosa campagna CHIME FOR CHANGE a sostegno delle ragazze e delle donne, da lei stessa fondata nel 2013 con Salma Hayek Pinault e Beyoncé Knowles-Carter. Attraverso il partner strategico Catapult, piattaforma di crowd-funding, CHIME FOR CHANGE a oggi ha raccolto oltre 5 milioni di USD e ha finanziato totalmente oltre 310 progetti in circa 80 Paesi insieme a 101 partner no-profit.

Per la forza della sua personalità e della direzione creativa di Gucci, Frida è stata insignita con i seguenti riconoscimenti: International Designer of the Year all’edizione del 2013 degli Harper's Bazaar Women of the Year Awards a Londra; Woman of Compassion Award ricevuto dallo US Fund for UNICEF a Los Angeles nel 2011; Best Designer Award al Marie Claire Prix d’Excellence de la Mode a Parigi nel 2011; T de Telva Award per la categoria Best International Designer a Madrid nel 2011.
Nel 2010, Frida riceve il premio Design Star Honor dal Fashion Group International a New York e, successivamente, è riconosciuta nella sua città, Roma, con la Lupa Capitolina. L’anno precedente veniva celebrata a Madrid da Marie Claire Spagna, e a Tokyo, dove riceveva il premio per International Designer of the Year dal Fashion Editors Club of Japan – quando, per la prima volta, il riconoscimento veniva assegnato a una donna.

La tenacia e la visione decisa di Frida - che è quasi giunta al decimo anniversario da Direttore Creativo - portano Gucci con successo nel ventunesimo secolo. Frida rappresenta una voce internazionale autorevole nel mondo della moda, sostenendo una visione sensuale del lusso e uno stile glamour in linea coi tempi moderni.



Photo Courtesy of Mert Alas & Marcus Piggott

Seleziona il paese desiderato

shopping online disponibile
esplora il nostro sito web
Selling_divider

Ricorda che cambiare località durante gli acquisti comporta lo svuotamento del carrello

SPEDIZIONE EXPRESS GRATUITA E CONFEZIONE REGALO SU TUTTI GLI ACQUISTI SU GUCCI.COM

Questa offerta sarà applicata soltanto agli acquisti effettuati sui siti europei e UAE di Gucci.com